Entra anche tu NEL MONDO DI KRILU',
un viaggio nel mio mondo che potrai continuare visitando anche
il mio sito

lunedì 18 giugno 2012

Ciliegie: una tira l'altra


Tipico frutto della tarda primavera/inizio estate la ciliegia nasce sia dal Prunus avium sia dal Prunus cerasus, due alberi che appartengono alla famiglia delle Rosaceae ed hanno origine nei territori occidentali dell'Asia.
Dal Prunus avium nascono le ciliegie dolci, sia quelle a polpa tenera (tenerine) che quelle a polpa dura (duracine).
Dal Prunus cerasus nascono invece le amarene e le marasche che, per il loro sapore asprigno, sono poco consumate come frutta fresca e vengono soprattutto usate nella produzione di liquori, sciroppi, marmellate, kirsch (è la grappa di ciliegie).

Tra le principali varietà di ciliegie ci sono la Bigarreau, una delle prime a comparire sul mercato (si trovano in commercio tra il 15 maggio e il 5 giugno). In giugno invece compaiono le ciliegie del gruppo "Nero", che sono quelle tipiche della zona di Vignola (MO), quelle del gruppo "Anella" croccanti e succose, "Ferrovia" diffuse in Puglia, "Marca" le più indicate da mettere sotto spirito.



Oltre che buona, la ciliegia è anche un frutto con non poche proprietà benefiche: è infatti ricca di flavonoidi, utili a combattere i radicali liberi; è diuretica e antiurica, particolarmente indicata nella cura di disturbi ai reni, artriti e gotta.
Il decotto di peduncoli viene usato nella preparazione di lozioni lenitive per pelli screpolate.
Contiene sali minerali, soprattutto potassio, calcio e fosforo, e Vitamina A e C.

Molti sono i simboli legati a questo frutto:
In Giappone l'albero di ciliegio rappresenta la futura beatitudine, i suoi rossi frutti alludono al samurai pronto a sacrificarsi, mentre i fiori sono simbolo di cortesia, di integrità morale e di modestia.
Nel Nord Europa (Germania e Danimarca) invece i ciliegi, soprattutto quelli vecchi, sono considerati rifugio di demoni e quindi piante malefiche da cui tenersi alla larga.
Anche per gli inglesi, sognare un ciliegio è ritenuto presagio di sfortuna.


Valori nutrizionali per 100 g. di ciliegie:

Parte edibile............................86%
Proteine...............................0,8 g.
Lipidi.................................0,1 g.
Acqua.................................86,2 g.
Glucidi disponibili......................9 g.
Fibra alimentare.......................1,3 g.
Calorie..............................38 Kcal
Sodio...................................3 mg.
Potassio..............................229 mg.
Ferro.................................0,6 mg.
Calcio.................................30 mg.
Fosforo................................18 mg.
Vitamina C.............................11 mg.
Fonte: Istituto Nazionale della Nutrizione




Oltre che come frutto da consumarsi fresco, goloso e invitante (non per nulla c'è il detto "una ciliegia tira l'altra" a significare che non si smetterebbe mai di mangiarne) con le ciliegie si possono fare confetture o si possono conservare sotto spirito o in sciroppo.

In cucina, vengono utilizzate soprattutto per dolci e dessert, ma possono essere usate anche in maniera più insolita, per preparazioni a base di carne.

38 commenti:

  1. E tu lo devi aver spiegato prima che a me agli stormi, quando sono arrivato al ciliegio le avevano pappate tette! Ti saluto.

    RispondiElimina
  2. Krilù, per contraccambiare a queste delizie di cui ho approfittato ti lascio un caldo abbraccio e la colazione
    Bacioni oni oni!

    RispondiElimina
  3. Cara Krilù questo delizioso frutto è il segno che la primavera è inoltrata, sono veramente buone e fanno molto bene alla nostro intestino, cara amica ti lascio un buon giorno sperando che tutto vada per il meglio, un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. L'altro giorno ne ho fatto una scorpacciata (del gruppo Nero), dopo logicamente non stavo per niente bene.
    Hai pubblicato dettagli di grande interesse su questo magnifico frutto.

    RispondiElimina
  5. Molto buone!
    Ti auguro un buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  6. Una ricetta semplice con le ciliege "
    mangiarle direttamente sulla pianta"

    RispondiElimina
  7. Krilù, cara...

    ho sorriso del commento di Valerio.

    Vero...meglio mangiarle sulla pianta! ;)

    Un forte abbraccio. Kissss. NI

    RispondiElimina
  8. Ciao Krilù, io adoro le ciliege! quando comincio non smetterei più di mangiarle, come quando ero piccola...salivo sull'albero e me le gustavo felice e spensierata!
    baci!

    RispondiElimina
  9. Storia, colori, sapori affascinanti, ma su quegli alberi bisogna saperci salire e stare, visto che già io personalmente non conto più il numero di persone che ne sono cadute: al punto da sospettare che quelle superstizioni, da te riferite, siano nate da disgrazie di questo genere!

    RispondiElimina
  10. Grazie per tutte queste notizie, Krilù. Quando hai parlato del Giappone, mi sono venute in mente certe scene di film con tutti quei ciliegi meravigliosi! Non sapevo certo che invece questi alberi potessero essere considerati malefici...amo troppo le ciliege per darci peso. Per me è proprio vero il detto "una ciliegia tira l'altra" e non smetterei più di mangiarle, se non fosse che quest'anno purtroppo mi gonfiano la pancia come un palloncino. Ciao, buona scorpacciata!

    RispondiElimina
  11. Maresco, questo è un problema ricorrente per chiunque abbia un ciliegio: contendere le ciliegie agli uccelli, che sono dei veri predatori di questo succoso frutto. E poi loro ci arrivano molto meglio di noi. :))

    RispondiElimina
  12. Grazie Simo per la tua invitante colazione, di cui stamane ho approfittato subito, ma poiché sono stata in campagna tutto il giorno i ringraziamenti ti arrivano soltanto ora.
    Bacino della buonanotte!

    RispondiElimina
  13. Caro Tomaso, le ciliegie sono davvero buone e fanno anche bene, a patto di non farne enormi scorpacciate che poi si pagherebbero con noiosi dolori di pancia.
    Grazie per il tuo augurio di buona giornata che, trascorsa all'aria aperta, è stata davvero piacevole.
    Dolce notte a te.

    RispondiElimina
  14. Ciao Ambra, anch'io alcuni giorni fa, quando ho scattato le foto di questo post, ne ho fatto una memorabile scorpacciata, raccolte direttamente dall'albero.

    RispondiElimina
  15. Buonissime! Grazie Cavaliere.

    RispondiElimina
  16. Valerio sono d'accordo con te, ed è proprio ciò che ho fatto qualche giorno fa. L'unico guaio è che così facendo non ci si rende conto di quante se ne mangiano, perché è proprio vero ... una tira l'altra.:))

    RispondiElimina
  17. Ni carissima, da bambina la mia principale occupazione di questi tempi era proprio quella di arrampicarmi sui ciliegi di mia nonna (ne aveva 5 ed erano grandissimi). Non ti dico che scorpacciate, e che dolori di pancia, poi!

    RispondiElimina
  18. Ciao Cristina, ma ci sarà qualcuno a cui non piacciono le ciliegie?
    Anche se in tempi completamente diversi i tuoi ricordi coincidono con i miei.

    RispondiElimina
  19. Caro Adriano, certo che per arrampicarsi sugli alberi ci vuole una certa destrezza, ma farlo in giovane età è più facile. Da ragazzina io raggiungevo i rami più bassi con la scala a pioli e poi, arrampicandomi di ramo in ramo per raggiungere le ciliegie più belle, mi ritrovavo quasi in cima all'albero. Scendere era forse più difficile che salire, però non sono mai caduta.

    RispondiElimina
  20. Ciao Ninfa, anch'io apprezzo moltissimo le ciliegie, un frutto legato a bei ricordi della mia infanzia. Quanto era più bello mangiarle prelevate direttamente dall'albero, anziché dalla fruttiera!

    RispondiElimina
  21. Il problema del mio albero è che fa pochi frutti ! Probabilmente è malato perchè le foglie si accartocciano !
    Comunque mi piacciono tantissimo le ciliegie !Molto interessante il post ! Bacione ;Liza.

    RispondiElimina
  22. ciao...un bel post...bè direi un buon post..... con bellissime foto...ciao..luigina

    RispondiElimina
  23. Le ciliege sono ottime e salutari, cara Krilù.
    Ma il mio amore va soprattutto al ciliegio in fiore, l'albero da frutta più bello in assoluto per me...
    Buona giornata Krilù :)
    Lara

    RispondiElimina
  24. In questi giorni ne sto mangiando a volontà!

    RispondiElimina
  25. ^_____^

    adoro le ciliegie anche io!!!

    in questi giorni non riesco a non acquistarle e a non farne una scorpacciata ;-)

    RispondiElimina
  26. Mi fa piacere che tu abbia trovato interessante questo post, cara Liza.
    Un vero peccato che il tuo ciliegio non produca copiosi frutti.
    Scarsa fruttificazione e foglie accartocciate e rinsecchite potrebbero essere indice di carenza di calcio. Perché non fai vedere qualche foglia a un consorzio agrario o a un garden center, loro potrebbero darti utili consigli.
    Così per l'anno prossimo ... buona scorpacciata!

    RispondiElimina
  27. Grazie mille Luigina per il tuo positivo commento.

    RispondiElimina
  28. Come non essere d'accordo con te Lara? Ottime le ciliegie e bellissimo il ciliegio in fiore.
    Ciaooo!

    RispondiElimina
  29. Ciao Adriana! Questo è proprio il periodo giusto per le scorpacciate di cilege

    RispondiElimina
  30. Allora benvenuta anche tu nel club dei golosoni, Pupottina. :)

    RispondiElimina
  31. Eh no, non arrivo a farci della confettura... le mangio tutte prima!!! :D

    RispondiElimina
  32. Anna, io l'altro giorno, dopo averne fatto una grossa scorpacciata sotto l'albero, ne ho portato a casa anche una cassetta. O rischiavo una colica o le usavo in maniera diversa, allora ne ho fatto 7 vasetti conservate nel rum, metodo più veloce che farne confettura.

    RispondiElimina
  33. gnam gnam ma che buone le ciliege.
    Io adoro anche la marmellata di ciliege. Lo yogurt invece non mi piace.

    RispondiElimina
  34. Gianna condivido il tuo entusiasmo!!

    RispondiElimina
  35. Ciao Roby, anche a me piace pure la marmellata fatta con le ciliegie.

    RispondiElimina

Vi prego di scusarmi se non sempre riuscirò a rispondervi e Vi ringrazio fin d'ora per la gradita visita e per i commenti che vorrete eventualmente lasciarmi.