Entra anche tu NEL MONDO DI KRILU',
un viaggio nel mio mondo che potrai continuare visitando anche
il mio sito

venerdì 4 gennaio 2019

IL MIO ALBERO DI NATALE



Era una gelida mattina di inizio dicembre e il mio babbo pedalava di buona lena, sia per combattere il freddo che per coprire più in fretta il lungo tratto di strada tra la nostra casa e la pineta.
Missione albero di Natale. Non essendoci abeti nella nostra campagna, in pineta avrebbe certamente trovato quanto di più simile. Individuata una pianta di ginepro non troppo grande e non troppo piccola l’aveva prelevata e dopo averla fissata alla bicicletta era ripartito alla volta di casa, attento a non incappare nel guardiano della pineta che oltre a sequestrargli la pianta gli avrebbe comminato una salata multa.
Arrivato a casa era la mamma che aveva il compito di addobbare l’albero, operazione non troppo impegnativa perché pochi erano gli addobbi a disposizione: qualche pallina di vetro colorato, una cascata di fili luccicanti e il bel puntale di vetro da fissarsi con grande cautela in cima all’albero. Era un albero senza pretese, ben lontano da quelli di oggi, traboccanti di luci, lustrini e colori, ma rallegrava la nostra casa di povera gente col suo fresco profumo di resina ed era quanto bastava a rendermi felice.
Nel tempo intercorrente all’arrivo del Natale l’alberello si arricchiva di altri addobbi “mangerecci”: caramelle, torroncini e cioccolatini avvolti in cartine colorate, boeri di cioccolata col cuore di liquore e di ciliegia nel loro tipico incarto rosso luccicante, arance e mandarini; contributo del babbo che la sera andava al circolo a giocare a carte e rinunciava al suo caffè in favore dei dolcetti per l’albero di Natale. Forte era la tentazione (a cui qualche volta cedevo) di prelevarne uno ma, chissà perché, la mamma era un cerbero che se ne accorgeva sempre. Solo il giorno di Natale mi era permesso di mangiare qualche dolcetto prelevato dall'albero.


La mattina del 6 gennaio l’albero era misteriosamente scomparso lasciando tutto il suo contenuto commestibile dentro la calza della Befana.
Ma questa è un'altra storia ...

15 commenti:

  1. Cara Krilù, che bello vedere che ci sei nuovamente.
    Spero che con il tempo vada sempre meglio e vedere i tuoi post.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Sono sempre così dolci questi ricordi dell'infanzia...buon anno Krilù!

    RispondiElimina
  3. I ricordi sono frammenti di vita pulsanti.

    RispondiElimina
  4. ciao che bello leggere questo tuo racconto . Un caro saluto

    RispondiElimina
  5. Che bella storia dal sapore di una volta. Buona continuazione di anno e buon sabato a te, Stefania

    RispondiElimina
  6. Storie passate, dolci ricordi che fan bene al cuore. Anche i miei natali erano simili al tuo e quando penso alla felicità di una caramella o un cioccolatino, benedico la povertà che me l'ha regalata. Oggi abiamo tanto e quella gioia non è più nostra.
    Un abbraccio per te, cara Carla, e tanti auguri alla tua salute a cui chiedo di lasciarti il tempo di stare con noi che ti vogliamo bene.
    Ciao.

    RispondiElimina

  7. Wow, absolutely fantastic blog. I am very glad to have such useful information.

    Photo Editing Services

    RispondiElimina
  8. Ho letto ora su FB, Riposa in pace cara Carla.♥

    RispondiElimina
  9. È bello che ci sia uno racconto-ricordo così tenero e felice a chiudere questo tuo blog. Un po' sembra sciocco scriverti anche ora che "non ci sei più" ma è bello farlo. Ciao cara Krilù! ♥

    RispondiElimina
  10. I'm appreciate your writing skill. Please keep on working hard. Thanks for sharing.
    clipping path
    clipping path service

    RispondiElimina

Vi prego di scusarmi se non sempre riuscirò a rispondervi e Vi ringrazio fin d'ora per la gradita visita e per i commenti che vorrete eventualmente lasciarmi.