Entra anche tu NEL MONDO DI KRILU',
un viaggio nel mio mondo che potrai continuare visitando anche
il mio sito

martedì 18 giugno 2013

Filastrocche e acquerelli: Lo spaventapasseri


Fra i  dodici acquerelli di Mariarita Brunazzi, che mese per mese, da gennaio a dicembre, mi sono ripromessa QUI di presentarvi, a corredo delle mie filastrocche,  è arrivato il turno dell'acquerello N. 6.
Il tema di GIUGNO è dedicato a un personaggio particolare che in questo mese aveva l'incombenza di difendere il raccolto nelle campagne:


LO SPAVENTAPASSERI

Suo compito proteggere i raccolti
dalle razzìe dei passeri e dei tordi
apparve in mezzo al campo un bel mattino:
glielo aveva portato il contadino.

Due bastoni incrociati per supporto,
lungo pel corpo e per le braccia corto,
una vecchia zimarra rattoppata
imbottita di paglia ben pressata,

una testa di stracci col cappello
per essere il terrore d’ogni uccello.
Sapete cosa ha fatto un cardellino?
Si è costruito il nido in un taschino!

© Castellani Carla
(Krilù)



Lo spaventapasseri

Acquerello della pittrice naif
Mariarita Brunazzi

23 commenti:

  1. Carinissima questa tua filastrocca cara Krilù.
    Stasera ho ammirato il tuo campo di girasoli :-)
    Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  2. Cara Krilù veramente bella questa filastrocca, direi quasi poetica!
    L'acquarello poi è bellissimo!
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ciao krilu', divertente la poesia, complimenti, bel connubbio con l'immagine simpatica dello spaventapasseri, brave tutte e due, ciao baci, buona giornata rosa,)

    RispondiElimina
  4. Ciao Louise! Che dolce la tua filastrocca col cardellino nel taschino!Qui Giugno è in fase di esplosione e noi anche! Bacioni e grazie mille per questi omaggi mensili! Tua Thelma!
    Grazie!

    RispondiElimina
  5. Un insieme che suscita dolce serenità!

    RispondiElimina
  6. Cara Carla,
    l'acquerello è simpaticissimo, del resto mi sono piaciuti molto anche tutti i precedenti.
    La poesia è molto evocativa, il nido nel taschino: mi sembra di vederlo.
    Intanto i campi di grano sono già tutti belli dorati e per me fermarmi a guardarli è uno spettacolo.
    Bacione,
    Marina

    RispondiElimina
  7. Alcuni spaventapasseri sembravano autentiche opere d'arte.
    Tanto che mi assaliva a volte il dubbio che avessero a modo loro una valenza artistica superiore all'effimera efficacia nel tenere lontani i piccoli pennuti dal raccolto.

    RispondiElimina
  8. Graziosissimi tutti e due: la filastrocca e il quadretto!

    RispondiElimina
  9. Simpaticissima la tua filastrocca Krilù, mi ricorda tanto Gianni Rodari e la scuola, complimenti anche per il delizioso disegno, stanno benissimo insieme.
    Love Susy x

    RispondiElimina
  10. Carinissima filastrocca cara Krilù, allora passo da te per un'acqua tonica con fettina di limone e il mio libro di filastrocche sotto il braccio per farti conoscere le mie produzioni...sul mio blog trovi il banner, di lato a destra, per vederlo. Un bacione. Magu

    RispondiElimina
  11. Perfetto connubbio di "ars poetica" e "ars visualis", in cui i versi sono complementari all'immagine e viceversa.
    Il brano si presenta piano, lineare, di agevole lettura, ma con un contenuto abbastanza profondo.
    Dietro la descrizione di un evento apparentemente ordinario, insignificante, si cela un concetto importante, profondo.
    Brano e bozzetto "trattano" di un passerotto che ha costruito il nido proprio nell'oggetto che avrebbe dovuto allontanarlo (lo spaventapasseri) dunque non può sfuggire l' intento di dimostrare la forza del principio adattativo e di sopravvivenza.
    Piuttosto espressivo e vivace risulta la figura, in cui prevalgono colori complementari. Nonostante sia stata eseguita con la tecnica dell'acquerello e presenti perciò una sua apprezzabile leggerezza, potrebbe definirsi più un guazzo, date le campiture a tutto spazio.
    E' corretto definire "naif" questo tipo di pittura, giacché è evidente l'istintualità e il candore compositivo che connotano l'artista, che la collocano nel novero della più interessante esperienza illustrativa contemporanea.

    RispondiElimina
  12. Sono certo che la tua amica pittrice, peraltro bravissima, è stata contentissima della filastrocca che hai dedicato all'acquerello.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  13. complimenti.

    Tutto bello.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  14. Simpatica la poesia!!! L'acquarello mi piace moltissimo!!! sembra fatto a lapis tanto sono dettagliati i tratti!!!

    RispondiElimina
  15. stupendi!
    Ti auguro buona domenica!

    RispondiElimina
  16. Un armonico connubio tra filastrocca e acquerello.

    RispondiElimina
  17. Troppo simpatica e graziosa la tua filastrocca, accompagnata dall'altrettanto delizioso acquerello di Mari!

    RispondiElimina
  18. Eh...siete proprio una bella coppia!

    RispondiElimina

Vi prego di scusarmi se non sempre riuscirò a rispondervi e Vi ringrazio fin d'ora per la gradita visita e per i commenti che vorrete eventualmente lasciarmi.