Entra anche tu NEL MONDO DI KRILU',
un viaggio nel mio mondo che potrai continuare visitando anche
il mio sito

giovedì 2 agosto 2012

2 agosto 1980: Strage alla stazione di Bologna

Sono già passati 32 anni eppure mi sembra ieri, tanto bene ancora ricordo la costernazione e l'orrore che provai quando si diffuse la notizia dell'attentato.

Alle 10,25 di sabato 2 agosto 1980 una bomba a tempo esplose nella sala d'aspetto di seconda classe della affollata stazione di Bologna. Fu questo uno degli atti terroristici più gravi avvenuti in Italia nel secondo dopoguerra e il bilancio finale della strage fu di 85 morti e oltre 200 feriti.

Fra tentativi di depistaggio e polemiche, con sentenza definitiva della Corte di Cassazione il 23 novembre 1995 vennero condannati all'ergastolo, quali presunti esecutori dell'attentato, Giuseppe Valerio Fioravanti e Francesca Mambro, militanti di estrema destra, che però si sono sempre dichiarati innocenti. Non sono invece mai stati individuati i mandanti della strage.




Alla stazione di Bologna, sulla lapide commemorativa che riporta i nomi delle vittime c'è anche un nome che non posso dimenticare, quello della diciannovenne Antonella Ceci, mia concittadina, rimasta vittima di questa folle barbarie insieme al suo fidanzato e a due sorelle di lui.
Ogni tanto in città mi capita di incrociare suo padre: i tanti anni passati non hanno potuto cancellare dal suo volto i segni del dolore, perché le vittime non sono solo coloro che hanno perso la vita, o coloro che ancora portano nel corpo e nella mente i segni indelebili di quell'orrore, ma anche le loro famiglie, che ancora si battono con determinazione perché sui molti lati ancora oscuri della vicenda sia finalmente fatta piena luce e "per non dimenticare".

11 commenti:

  1. Ricordare, sempre!

    Baci, Krilù.

    RispondiElimina
  2. Ciao Krilù bisogna ricordare sempre
    perchè non possa piu accadere
    buona serata
    Tiziano.

    RispondiElimina
  3. Ciao Carla, grazie per il post..non bisogna dimenticare!!
    Un abbraccio
    Carmen

    RispondiElimina
  4. ....non si deve mai dimenticare!!!! Un bacio Kri!

    RispondiElimina
  5. E i più vecchi come me ricordano vividamente anche come appresero la notizia e come nacque subito la mobilitazione di massa in quel triste giorno!

    RispondiElimina
  6. occorreranno 100 anni per togliere il segreto??

    RispondiElimina
  7. Impossibile dimenticare... ciao Krilù un grosso abbraccio

    RispondiElimina
  8. io avevo 10 anni e ricordo poco o niente di quel giorno.
    Spero solo che si arrivi a qualcosa,prima o poi...
    buon sabato

    RispondiElimina
  9. ciao
    mai dimenticare queste cose.

    RispondiElimina
  10. Grazie Gianna, Tiziano, Cavaliere, Bilibina, Simo, Adriano, Soffio, Milù, Lu, Robby, per la vostra presenza in questo post e per aver condiviso insieme a me l'importanza del ricordare, perché "un Paese senza memoria è perduto".

    RispondiElimina

Vi prego di scusarmi se non sempre riuscirò a rispondervi e Vi ringrazio fin d'ora per la gradita visita e per i commenti che vorrete eventualmente lasciarmi.