Entra anche tu NEL MONDO DI KRILU',
un viaggio nel mio mondo che potrai continuare visitando anche
il mio sito

venerdì 1 marzo 2013

Un poeta da ricordare: Dino Campana




Un poeta da ricordare:

Dino Campana
Marradi (FI) 20 agosto 1885 -
Scandicci (FI) 1 marzo 1932


Una poesia da non dimenticare:


In un momento
Sono sfiorite le rose
I petali caduti
Perché io non potevo dimenticare le rose
Le cercavamo insieme
Abbiamo trovato delle rose
Erano le sue rose erano le mie rose
Questo viaggio chiamavamo amore
Col nostro sangue e colle nostre
lagrime facevamo le rose
Che brillavano un momento al sole del mattino
Le abbiamo sfiorite sotto il sole tra i rovi
Le rose che non erano le nostre rose
Le mie rose le sue rose.

(scritta per Sibilla Aleramo - 1917)



Edouard Manet
Due rose su una tovaglia


30 commenti:

  1. Ciao Krilu' questa poesia e' molto bella e molto particolare, esprime metaforicamente penso la loro vita vissuta insieme,in un tutt'uno, nella gioia e nel dolore, grazie non lo conoscevo questo poeta, buon week end a presto rosa.))

    RispondiElimina
  2. Cara Krilù, non conoscevo per niente questo grande poeta...
    Questa poesia è grandiosa, non saprei aggiungere altro.
    Grazie cara amica di averla condivisa. Tomaso

    RispondiElimina
  3. Una poesia con la lentezza del cuore, ripetere all'infinito...la rosa...come se fosse...amore.
    Bel post Krilu.ciaooo

    RispondiElimina
  4. posso dire che sono totalmente innamorata della sua storia, della sua poesia e della sua follia....
    ciao amica,passa un felice fine settimana:)

    RispondiElimina
  5. Delicatissimi sia il dipinto che la poesia.
    E tutti e tre, inclusa Sibilla Aleramo, personaggi di grande spessore.

    RispondiElimina
  6. Entrambi stupendi
    ciao krilù buon fine settimana.

    RispondiElimina
  7. un poeta strano,ma il dipinto è stupendo
    Baci

    RispondiElimina
  8. molto bella la poesia che però mi rattrista molto! bello il dipinto!!!! ciao cara buona settimana!

    RispondiElimina
  9. Belli, belli...sia il dipinto che la poesia. Anch'io non conosco le poesie di Campana: il blog serve anche a farci conoscere cose nuove o a spingerci alla ricerca di esse, dunque!

    RispondiElimina
  10. ciao Krilù
    ricordo di averlo studiato, ma questa poesia per me era caduta nell'oblio.
    grazie di avermela fatta rispolverare ed apprezzare nuovamente.

    buona domenica

    RispondiElimina
  11. Grazie per il tuo commento Rosa. Anch'io trovo particolare e anche coinvolgente questa poesia che mi pare rispecchi la passione travolgente che per un breve periodo lo unì a Sibilla Aleramo.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  12. Ciao caro Tomaso, sono lieta di averti fatto conoscere questo grande poeta, che in effetti è meno noto di altri.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  13. Grazie Carla. Campana è un poeta che io apprezzo molto e questa poesia in particolare parla al mio cuore.
    Un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
  14. Anch'io Tina, potrei copiarti, parola per parola.
    Felice domenica.

    RispondiElimina
  15. Ambra, le rose di Manet mi sono sembrate un degno accompagnamento a questi bei versi.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  16. Grazie Tiziano. Buona Domenica.

    RispondiElimina
  17. Lu, tanto strano che è morto in manicomio, dopo un lungo internamento.
    Un bacio e felice domenica.

    RispondiElimina
  18. Ciao Marina. La sua drammatica vita si riflette anche nei suoi versi.
    Anche a me piace molto il dipinto di Manet che ho scelto per accompagnare la poesia. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  19. E' vero Lella, i blog ci permettono un reciproco scambio di saperi che trovo molto proficuo. Io ho appreso molte cose che non conoscevo e sono contenta se talvolta posso trasmettere ad altri le mie conoscenze.
    Felice domenica.

    RispondiElimina
  20. Ciao Pupottina. Mi fa piacere averti risvegliato il ricordo di Dino Campana e dei suoi versi.
    Buona domenca.

    RispondiElimina
  21. L'ho scoperto da pochi anni, ma lo trovo molto profondo. E poi il suo passaggio da Genova, con quei suoi plastici versi dedicati alla Superba...

    RispondiElimina
  22. Ciao Krilú, personalmente non conoscevo questo poeta e questi versi mi hanno incuriosita..leggo di passione e di tormento. Grazie x aver condiviso con noi questi versi. Le rose sono anche il mio fiore preferito ;) ti abbraccio e ti auguro una buona domenica!

    RispondiElimina
  23. wow sono contenta di aver letto questo post. :)

    RispondiElimina
  24. Ciao Krilù, piacere di conoscerti, la tua visita è stata molto gradita. Mi unisco con piacere al tuo blog, visto che tratta di argomenti così interessanti: non sono un'amante della poesia, lo confesso, preferisco la prosa, ma in quanto a letteratura, beh, hai stuzzicato il mio interesse. Buona serata!

    RispondiElimina
  25. Adriano, io ne sono affascinata: sia dai suoi versi che dal suo personaggio.

    RispondiElimina
  26. Grazie Agnese per questo tuo commento. Con due sole parole, passione e tormento, hai focalizzato appieno l'essenza del poeta.
    Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  27. Wow Stefania, fa piacere anche a me che tu l'abbia letto. :)

    RispondiElimina
  28. Ciao Antonella, benvenuta nel mio blog. Rassicurati, qui non si parla solo di poesia ma di tanti altri argomenti che rispecchiano i miei molteplici interessi.
    Spero che non ti annoierai e tornerai ancora a trovarmi. A presto.

    RispondiElimina
  29. Hai visto il film su questa storia d'amore? E' di qualche anno fa, con Stefano Accorsi nei panni del poeta... Aleramo forse era Giovanna Mezzogiorno...

    RispondiElimina
  30. Ciao Adriana. "Un viaggio chiamato amore" è il film del 2002 diretto da Michele Placido con Stefano Accorsi e Laura Morante nei panni di Dino Campana e Sibilla Aleramo, che racconta la loro storia d'amore appssionata, violenta, distruttiva.

    RispondiElimina

Vi prego di scusarmi se non sempre riuscirò a rispondervi e Vi ringrazio fin d'ora per la gradita visita e per i commenti che vorrete eventualmente lasciarmi.