Entra anche tu NEL MONDO DI KRILU',
un viaggio nel mio mondo che potrai continuare visitando anche
il mio sito

venerdì 29 aprile 2016

Poesie di Giorgio Caproni

Giorgio Caproni: uno dei grandi poeti del Novecento, che in gioventù, prima di fare il maestro elementare, fece di mestiere il violinista.
Che sia stata l'educazione musicale ad aver affinato quei caratteri di limpidezza e cristallinità che sprigionano i suoi versi?

Sentite che melodiosa sonorità, in queste sue brevi ma incisive poesie.



Concessione

Buttate pure via
ogni opera in versi o in prosa.
Nessuno è mai riuscito a dire
cos’è, nella sua essenza, una rosa.





Sulla strada di Lucca

Com’erano alberati
e freschi i suoi pensieri!

Dischiusa la camicetta,
volava, in bicicletta.

Spariva, la bocca commossa,
nel vento della sua rincorsa.






Sassate

Ho provato a parlare.
Forse, ignoro la lingua.
Tutte frasi sbagliate.
Le risposte: sassate.





Biglietto lasciato prima di non andare via

Se non dovessi tornare
sappiate che non sono mai partito
il mio viaggiare
è stato tutto un restare
qua, dove non fui mai.





Per lei

Per lei voglio rime chiare,
usuali: in -are.
Rime magari vietate,
ma aperte: ventilate.
Rime coi suoni fini
(di mare) dei suoi orecchini.
O che abbiano, coralline,
le tinte della sue collanine.
Rime che a distanza
(Annina era così schietta)
conservino l'eleganza
povera, ma altrettanto netta.
Rime che non siano labili,
anche se orecchiabili.
Rime non crepuscolari,
ma verdi, elementari.



13 commenti:

  1. Che bei versi, hai proprio ragione Carla...sono limpidi e musicali e pur essendo brevi sono incredibilmente densi di significato.. Mi ha colpito in particolare "Il biglietto lasciato prima di non andare via", bellissimo!
    Grazie per avermi fatti iniziare così bene la giornata...un abbraccio e buona domenica!
    Carmen

    RispondiElimina
  2. Un grazie infinite, cara Krilù, di queste belle poesie. Ciao e buon fine settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Sarà l'armonia dei suoi versi...sarà l'immediatezza della sua poetica...le sue pittoriche rime sulla mia Toscana, che mi portano ad avere una particolare predilezione per Giorgio Caproni...anche nell'essenzialità riesce a condensare densi significati. Ti ringrazio per questa tua proposta l'ho apprezzato molto, buon sabato, Stefania

    RispondiElimina
  4. Versi brevi ma intensi, di grande significato!
    Un abbraccio e buona serata da Beatris

    RispondiElimina
  5. Mi piace quella sul viaggiare e pure l'ultima sulle rime, che è molto simpatica.

    RispondiElimina
  6. Molte volte è proprio da questi versi concisi ed intensi che si coglie la bravura di chi scrive.
    Buon mese di maggio
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  7. Un post armonioso e delicato. Grazie!

    RispondiElimina
  8. Un grande!
    Ciao cara, buona settimana

    RispondiElimina
  9. Molto belli questi versi!! il mio preferito è quello del biglietto lasciato...
    Ciao e felice mese di maggio.

    RispondiElimina
  10. Quante cose imparo quando passo nel tuo blog ...
    Sono tutte bellissime ... tanto e "CONCESSIONE" è quella che mi piace di più ..
    Ciao Carla un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Pensieri come fiori freschi, dilettano gli occhi e il cuore.
    Grazie cara Krilù!
    Un abbraccio
    Ciao:)
    Luci@

    RispondiElimina
  12. Non conoscevo questo poeta e grazie a te amica mia, ho potuto apprezzare questi suoi versi , veramente limpidi come acqua di fonte e sgorgati dal cuore..
    Buona cena e un forte abbraccio!

    RispondiElimina
  13. Quando le parole creano musica, arrivano al cuore… e lì s’adagiano a farti compagnia…
    Ho trovato molto belli e profondi i versi di questo poeta.
    Ti ringrazio Carla.
    Ti lascio un abbraccio

    RispondiElimina

Vi prego di scusarmi se non sempre riuscirò a rispondervi e Vi ringrazio fin d'ora per la gradita visita e per i commenti che vorrete eventualmente lasciarmi.