Entra anche tu NEL MONDO DI KRILU',
un viaggio nel mio mondo che potrai continuare visitando anche
il mio sito

venerdì 3 settembre 2010

Guidarello Guidarelli


Opera marmorea attribuita a Tullio Lombardo, scolpita nel 1525, il monumento funebre di Guidarello Guidarelli è da sempre oggetto di grande ammirazione, soprattutto per la patetica bellezza del volto: maschera di morente dal modellato levigatissimo, sul quale la luce e l'ombra giocano con raffinato effetto schiaro-scurale.

La lastra tombale dell'uomo d'armi ravennate, era collocata un tempo all'interno della Basilica di San Francesco a Ravenna, nella seconda cappella a destra, detta di San Liberio. Venne poi collocata presso la sede ottocentesca dell'Accademia di Belle Arti, inaugurata nel 1829, ed oggi si trova presso il Museo d'Arte di Ravenna (M.A.R.) dove continua ad esercitare il suo fascino sui visitatori (e soprattutto visitatrici) di tutto il mondo.
Anche Gabriele d'Annunzio, in visita a Ravenna, fu affascinato da Guidarello, che così cantò in un sonetto del 1903: "Ravenna, Guidarello Guidarelli / dorme supino con le man conserte / su la spada sua grande. Al volto inerte / ferro morte dolor furon suggelli".

Dice una leggenda popolare che le donne nubili che baceranno Guidarello potranno sposarsi entro l'anno, e nel tempo sono state milioni le labbra che si sono posate sul bel volto di marmo, fino a deturparne la levigatezza.
Per questo, dopo un radicale restauro, la statua è ora protetta da telecamere.

Guidarello Guidarelli, di cui non si conosce con certezza l'anno di nascita, apparteneva ad una famiglia fiorentina trasferitasi a Ravenna agli inizi del XV secolo.
Uomo d'armi, creato cavaliere nel 1468 da Federico III Imperatore del Sacro Romano Impero, fu tra i condottieri radunati ad Imola da Cesare Borgia nel 1500, in preparazione dell'impresa di Faenza.
E ad Imola fu ucciso a tradimento nel 1501, per una banale disputa sorta per la mancata restituzione di una camicia spagnola, riccamente ornata d'oro, che aveva prestata a certo Virgilio Romano, suo omicida.
Per sua espressa volontà la salma fu tumulata nella Basilica di S. Francesco in Ravenna.

Da una cronaca cesenate del tempo:
"Miser Guidarello da Ravenna soldato dignissimo del Duca, abiendo imprestato una sua camisa a la spagnola belissima de lavori d'oro a Virgilio Romano a Imola per farsi mascara e non je la volendo rendre e cruzatosi con lui, el ditto Virgilio lo tajò a pezi e amazollo; el Duca fatollo pjare li fè tajare la testa".

21 commenti:

  1. Grazie per le info che sempre ci dai.
    Buona giornata Kri.
    ----------
    .....ma le mail le leggi??? :-)))))

    RispondiElimina
  2. Che abile Cicerone...krilù grazie! buon fine settimana

    RispondiElimina
  3. Ciao Louise! Non conoscevo la leggenda di Guidarello! Che bello,la leggenda lo rende molto romantico! Ma tu l'hai baciato!

    RispondiElimina
  4. Ciao Carla, grazie a te per averle lette.
    Ho appena risposto alla tua mail ;)))

    RispondiElimina
  5. A Ravenna ci sono tante belle cose da vedere e ciceroni molto più preparati di me, ma mi piace conoscere la mia città meglio che posso.
    Anche a te Graziella l' augurio di trascorrere un buon weekend.

    RispondiElimina
  6. Thelma, bricconcella d'una ragazza curiosa!!!
    No, quando era ancora a portata di bacio, per quanto fosse bellissimo, confesso che io non l'ho mai baciato. Ma sai, più che baciare un freddo marmo, io a quei tempi preferivo baciare il mio innamorato che ... era tutt'altro che freddo!!! ;)
    Ora poi, dietro il vetro protettivo, non è più baciabile... eheh

    Però adesso un bel bacione lo scocco a te.

    RispondiElimina
  7. Ciao Kri
    bellissimo questo Guidarello, fa un po' venire in mente, il monumento funebre della bellissima Ilaria del Carretto, di Jacopo della Quercia e che si trova a Lucca. Dicono che Ilaria morì a quindici anni di parto.
    Non sapevo di Guidarello Guidarelli, nè mai avevo visto questa bellissima bellissima
    Quante cose s'imparano dai blog!!! Grazie
    Baciotti
    Bruna

    RispondiElimina
  8. Grazie a te DIANA.BRUNA. Hai fatto due considerazioni giustissime:

    - Anch'io quando vidi a Lucca il superlativo monumento funebre di Ilaria del Carretto, lo misi automaticamente in relazione con questo di Guidarello Guidarelli: due belle creature morte tragicamente, la cui giovinezza e bellezza sono state per sempre fermate nel marmo.

    - E' verissimo che girando per i blog si imparano tante cose nuove, perchè ognuno di noi mette a disposizione degli altri le proprie conoscenze e nel contempo acquisisce le conoscenze altrui.

    Kiss.

    RispondiElimina
  9. Bruna mi ha preceduto, abbiamo avuto la stessa sensazione! Pover'uomo, morto per una camicia...buona domenica, Arianna!

    RispondiElimina
  10. Louise infatti immaginavo che Sergio fosse arrivato per destino e non per miracolo!
    Tu eri una ragazza bellissima ho visto le foto,non avevi bisogno di baciare le pietre!;)

    Certo Louise è sempre Louise!E basta! Bacioni a te tua Thelma!

    RispondiElimina
  11. Interessantissimo post!
    Ho imparato...grazie!

    RispondiElimina
  12. Sarà che ho una particolare passione per sassi e company ma resto sempre incantata da queste opere, cerco di immaginare l'originale blocco di pietra e poi molto lentamente e con sapienti mani uscire delle meraviglie.
    Grazie per avermi fatto conoscere un'altra meraviglia.
    Ciao

    RispondiElimina
  13. che bella storia...sembra quasi una favola...un bacio fede

    RispondiElimina
  14. Si Arianna, è una vera assurdità morire per una camicia, ma sicuramente c'era sotto qualcos'altro.
    Auguro anche a te una buona domenica.

    RispondiElimina
  15. Sono io che ringrazio te, Stella, per l'attenzione. Felice domenica.

    RispondiElimina
  16. Ciao Elena. Mi fa piacere che tu abbia trovato interessante questa bella scultura.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  17. Grazie Fede per le tue gradite visite.
    Kiss.

    RispondiElimina
  18. ciao..che bello leggere questo post... ben raccontato..molto preciso, ma davvero scorrevole da leggere..molto interessante..ciao..luigina

    RispondiElimina
  19. Grazie Luigina per il tuo graditissimo apprezzamento.
    Ti auguro una felice domenica.

    RispondiElimina
  20. Sabato sono stata a Ravenna e mio padre mi aveva parlato di Guidarello (l'ha anche ritratto in un quadro): purtroppo non siamo riusciti a trovarlo, perché non sapevamo che fosse stato spostato alla Pinacoteca di Ravenna. Pazienza. Sarà per la prossima gita. Ma che bello cercare Guidarello su Google e trovare il tuo blog! :-) "la rete è piccola", potremmo dire!

    RispondiElimina
  21. Scusami Adriana se non ho risposto prima a questo tuo commento, ma purtroppo soltanto adesso l'ho visto.
    E' un vero peccato che non ti sia stato possibile ammirare la statua di Guidarello. Se e quando tornerai a Ravenna non lasciartelo sfuggire.

    RispondiElimina

Vi prego di scusarmi se non sempre riuscirò a rispondervi e Vi ringrazio fin d'ora per la gradita visita e per i commenti che vorrete eventualmente lasciarmi.