Entra anche tu NEL MONDO DI KRILU',
un viaggio nel mio mondo che potrai continuare visitando anche
il mio sito

domenica 26 giugno 2011

Veglia per una madre




Il buio è più profondo e le stelle più vicine, quassù sulle alture che dominano la valle del Savio, lontano dall’inquinamento cittadino.
Siamo qui, nove donne di diverse età, accomunate dall'amore per la poesia, per stringere in un solidale ed affettuoso abbraccio un’amica che di recente ha perso la madre e ricordare, con questa madre, tutte le madri.
L’accogliente e solitaria casetta che in questa serata di fine giugno ospita il nostro incontro, sorge su una radura circondata da un folto bosco di latifoglie.
Sediamo in circolo, sotto una cupola di stelle e, mentre le fiammelle che rischiarano la nostra veglia, palpitano tremule alla leggera brezza notturna, si dipana di voce in voce, l'incanto delle parole: parole di un brano del Vangelo e parole del nostro sentire espresso in versi, nel ricordo delle madri, delle nostre madri, vive o morte, cui siamo in eterno legate da un filo indistruttibile. Perché una madre va quando resta, e resta quando va; così è il legame madre-figlia.
Il groviglio delle emozioni palpita e si trasmette di cuore in cuore, voci rotte da un singulto e ciglia inumidite, in una totale condivisione di sentimenti.
E il respiro notturno del bosco, in questa solitudine, non è inquietante, come si potrebbe pensare, ma caldo ed avvolgente, come un confortevole grembo materno.


"... cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio" [ Luca, cap. 12, vv.6-9 ]

Giugno 2006




42 commenti:

  1. la mamma è la persona più importante nella vita di ogni essere vivente. Bella questa iniziativa, è un'omaggio che le mamme apprezzeranno e ringrazieranno brillando nel firmamento
    buon pomeriggio

    Hai ritirato il mio omaggio virtuale? se non lo desideri puoi ancora approfittarne, visitando questo link http://valzerdiemozioni.blogspot.com/2011/06/auguri-ricordi-e.html

    RispondiElimina
  2. Grazie Simo per il tuo commento, e grazie anche per il bellissimo omaggio, che ho già ritirato. Per il momento sto "battagliando" con Blogger che mi crea difficoltà ad inserirlo nella slidebar laterale, con gli altri regali di amici. Ma la spunterò ... ;))

    RispondiElimina
  3. Ciao Krilù...

    Sono molto desolata per l'amica.

    La mamma perduta...in vita, nella carne, ma non nell'anima...quella è per sempre.

    Baci di cuore! Kisses...NI

    RispondiElimina
  4. Grazie Ni. Un bacione e buona settimana.

    RispondiElimina
  5. Solo la perdita di un figlio è paragonabile alla perdita di una madre. Lei ti ha generato e accolto e per tutta la sua vita è pronta a tutto per te. Quando manca è una ferita che si rimargina con una lentezza colma di dolore.

    RispondiElimina
  6. Mi dispiace tanto per l'amica e anche se non la conosco le sono vicina. Molto toccante questa veglia ...e anche il post. Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Uno stupendo post pieno d'amore, Krilù. Sei riuscita a trasmettermi l'emozione di questa veglia, non solo il dolore per una grande perdita, ma anche una sensazione di eternità, di mistero, di legame indissolubile al di là della morte. Credo non possa esserci una dedica a tutte le madri migliore di questa.

    RispondiElimina
  8. Le tue bellissime parole sono più forti del dolore e dell'oblio.

    RispondiElimina
  9. Vero Ambra, quando si perde la madre si perde una parte di sé stessi.

    RispondiElimina
  10. Grazie Rita, in effetti è stata una veglia molto coinvolgente per tutte.

    RispondiElimina
  11. Grazie Ninfa, per avere compreso in pieno ciò che volevo trasmettere con questo post. Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  12. Grazie per la tua attenta sensibilità, Costantino.

    RispondiElimina
  13. ciao Krilu' bel post pieno d'amore, ho la "pelle d'oca!"
    buona giornata
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  14. Buon giorno Krilù, è stato un piacere!...grazie a Te!!! buon inizio settimana

    RispondiElimina
  15. Ciao Krilù!
    Mi sono emozionata nel leggere di questo incontro...sarà che l'affetto che ho per mia mamma è davvero immenso...la mia Stella Polare...
    Un abbraccio.
    Nunzia

    RispondiElimina
  16. Bellissima Krilù! Complimenti!

    RispondiElimina
  17. Ciao Carla, leggere il tuo Post è da un senso al mio inizio di questa settimana. Molto bella, mi colpisce, il bosco pensato come un avvolgente grembo materno. Questo può essere vero per la montagna e in generale il contatto con la natura. In alta montagna puoi però nascere all'improvviso, quando le condizioni climatiche cambiano drammaticamente e ti ritrovi davanti alle sfide, anche violente, che l'ambiente ti presenta. Passata la tempesta ti ritrovo di nuovo nel suo caldo e dolce utero. E' un a madre generosa, ma come tutte le madri è complicata e difficile da comprendere.

    buona settimana

    RispondiElimina
  18. Ho avuto la stessa sensazione già espressa da altri. Leggendo queste parole invece di essere pervasa dal senso di perdita, di sconfitta come di solito mi succede quando ci penso, ho sentito una grande forza, ed anche speranza.
    Mi dispiace molto per la tua amica che sta soffrendo.
    Ciao Krilù, a presto

    RispondiElimina
  19. Bello avere delle amiche che ti sono vicine in un momento così importante. L'ascolto della Parola di Dio e delle vostre parole in versi avrà portato grande conforto al suo cuore, quasi come una grande carezza che solo una mamma può dare.

    RispondiElimina
  20. il conforto delle amiche è un sostegno importante in momenti come questi,bellissima foto,ciao Krilù

    RispondiElimina
  21. Ciao Krilù, il vostro è stato un bel gesto di solidarietà nei confronti di un'amica con l'animo sofferente.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  22. Mi dispiace per la tua amica, ma mi piacete voi che la confortate in questo modo...

    RispondiElimina
  23. E'confortante sapere che ci sono ancora persone che hanno il coraggio di condividere il dolore. Non lasciatevi.

    RispondiElimina
  24. Donne, Adriano, solo donne. Grazie comunque, sei molto gentile.

    RispondiElimina
  25. Grazie Michele per esserti emozionato.

    RispondiElimina
  26. Mi sono emozionata anch'io, cara Krilù.
    E come Costantino penso che:

    "Le tue bellissime parole sono più forti del dolore e dell'oblio."
    Grazie Krilù,
    Lara

    RispondiElimina
  27. che bella iniziativa. Quese parole le trovo molto vere e sono certa che anche quano si perde fisicamente (per la dipartita) il rapporto con la mamma rimane eterno.
    Ciao, buona settimana!

    RispondiElimina
  28. Ciao Nunzia. Anche la nostra emozione era molto forte e coinvolgente. Grazie del tuo commento.

    RispondiElimina
  29. Ho molto apprezzato la tua visita e il tuo commento, Andrea (Silenzi d'Alpe).

    RispondiElimina
  30. Ciò che tu hai percepito Giada, corrisponde anche alla nostra percezione. Condividere un'esperienza di dolore forte (mi riferisco ad un lutto recente ma anche ai lutti non ancora elaborati di alcune di noi) ci ha dato forza, speranza e soprattutto la consapevolezza che "le madri restano anche quando vanno".
    Ti abbraccio con affetto.

    RispondiElimina
  31. Certo Rita, ma non solo per la nostra amica, perché ognuna di noi ha dato e ricevuto in egual misura forza e consolazione.

    RispondiElimina
  32. Ciao Graziella, è importante la solidarietà, specie nel momento del dolore.

    RispondiElimina
  33. Ciao Sirio. Grazie di essere qui.

    RispondiElimina
  34. Si Gianna, è importante il sostegno reciproco.

    RispondiElimina
  35. @ la stanza in fondo agli occhi = Giusta la tua esortazione. Sono ormai molti anni che coltiviamo il nostro sodalizio letterario, anche a livello umano, e spero davvero che durerà ancora a lungo.

    RispondiElimina
  36. Grazie per il tuo commento, che ho molto gradito, Lara.

    RispondiElimina
  37. E' vero Marina: c'è un filo che unisce indissolubilmente madre e figlia per sempre. Questa è anche la mia esperienza e quindi la mia grande certezza.

    RispondiElimina
  38. Grazie Krilù...
    apprezzo moltissimo
    Mari

    RispondiElimina
  39. Ciao Louise,mi sarebbe piaciuto essere insieme a voi per vedere se questo macigno che ancora mi tormenta mi fosse stato un po' meno pesante! Bellissima l'atmosfera e proprio calda come un abbraccio!Un pensiero a mia mamma!

    RispondiElimina
  40. @ Maricrea = Conosco troppo bene questo genere di dolore, per non sentirmi tanto vicina a te.

    @ Thelma = Un pesantisssimo macigno può diventare, almeno per un po', più facile da reggere quando qualcuno ti aiuta a portarlo. Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina

Vi prego di scusarmi se non sempre riuscirò a rispondervi e Vi ringrazio fin d'ora per la gradita visita e per i commenti che vorrete eventualmente lasciarmi.