Entra anche tu NEL MONDO DI KRILU',
un viaggio nel mio mondo che potrai continuare visitando anche
il mio sito

lunedì 25 aprile 2011

25 Aprile 1945 - Liberazione dell'Italia dal nazifascismo



Il 25 aprile 1945 le truppe partigiane del CLN liberano le grandi città del Nord dall'occupazione dei nazi-fascisti.
Anche la popolazione civile insorge e vaste zone dell'Italia settentrionale vengono liberate prima dell'arrivo delle truppe anglo-americane che, dopo aver superato l'ultimo ostacolo della Linea Gotica in Toscana, incalzano le truppe tedesche in ritirata nella pianura Padana.




Qualcuno ha detto che i poeti hanno un modo più icastico ed essenziale per rendere una situazione e uno stato d'animo, riuscendo a trasmettere significati, memorie ed emozioni, in modo più forte ed incisivo.
Cosa perfettamente riuscita a Pietro Calamandrei, con questa poesia:


25 Aprile 1945

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà
a deciderlo tocca a noi.

Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.

Ma soltanto col silenzio del torturati
più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarono
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.

Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA.

(Pietro Calamandrei)



Pietro Calamandrei nato a Firenze il 21 aprile 1889, morto a Firenze il 27 settembre 1956, è stato giornalista, giurista, politico e docente universitario.

19 commenti:

  1. ciao...che bella la poesia di Pietro Calamandrei... soprattutto molto istruttiva...grazie per averla proposta... ciao..buona serata..luigina

    RispondiElimina
  2. Bel risvolto di un giorno che non posso dimenticare per un'affinità di tipo onomastica...:-)
    Saluti

    RispondiElimina
  3. Ciao Krilù...bel post e bella poesia quella di Calamandrei.

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Krilù, bel post per una giornata commemorativa.....Passata bene la Pasqua? :)

    RispondiElimina
  5. Una poesia commovente nel dolore e nella fierezza che si nascondono sotto di essa.

    RispondiElimina
  6. Ho letto ancora questa poesia, ma non ne conoscevo l'autore! bella!

    RispondiElimina
  7. Ora e sempre, Krilù. Ora e sempre.

    RispondiElimina
  8. non conoscevo neanch'io questa poesia.
    bella
    a presto lu

    RispondiElimina
  9. La conosco questa poesia, molto suggestiva.
    Ciao

    RispondiElimina
  10. Grazie a te per averla apprezzata, Luigina.

    Mark, legame onomastico? ti chiami forse Libero?

    Concordo Stella.

    Si Laura, è veramente una bella poesia, ricca di pathos.

    Si, grazie Rita.

    Ambra la trovo anch'io molto commovente e significativa.

    Alessandra anch'io conosco questa poesia da tantissimo tempo, ma solo un paio d'anni fa ho saputo chi ne era l'autore.

    Sono con te Sandra.

    Lieta di avertela fatta conoscere Lu.

    Lo è davvero Elena.

    RispondiElimina
  11. Ciao, son passato per ringraziarti del garbato ed entusiastico commento che hai lasciato sull'Angolo del sorriso.
    Cordialità e complimenti per il tuo blog.

    RispondiElimina
  12. Grazie per la tua gradita visita Guardiano del Faro.
    Io tornerò certamente a sorridere da te e se lo vorrai, qui sarai sempre benvenuto.

    RispondiElimina
  13. Non la conoscevo questa poesia Krilu...è stato emozionante leggerla.grazieeee molte. Un bacio

    RispondiElimina
  14. E' sempre emozionante rivisitare le nostre radici di libertà, di democrazia e di giustizia, soprattutto quando, come qui da te, sono ben salde e robuste.

    RispondiElimina
  15. non conoscevo questa poesia, è bello passare da te e scoprire sempre qualcosa di nuovo!

    RispondiElimina
  16. Allora Carletta sono contenta di avertela fatta conoscere.
    Bacione.

    RispondiElimina
  17. Dobbiamo mantenerle sempre ben salde, Adriano, queste nostre radici. E' un dovere cui non possiamo nè dobbiamo sottrarci.

    RispondiElimina
  18. Ciao Monica, nei blog c'è un continuo e reciproco scambio di "sapere". Ciò che io so lo condivido con piacere ed attingo con altrettanto piacere dal sapere altrui.

    RispondiElimina

Vi prego di scusarmi se non sempre riuscirò a rispondervi e Vi ringrazio fin d'ora per la gradita visita e per i commenti che vorrete eventualmente lasciarmi.