Entra anche tu NEL MONDO DI KRILU',
un viaggio nel mio mondo che potrai continuare visitando anche
il mio sito

sabato 26 marzo 2011

Il platano di Carpinello (FC)



Il gigante verde che appare in questa foto fa parte dell'elenco degli alberi monumentali d'Italia, censiti dal Corpo Forestale dello Stato nel 1982.
A distanza di una trentina d'anni, è assai probabile che molti degli esemplari presenti in quell'elenco non siano più esistenti, ma questo platano orientale, che si erge in tutta la sua maestosità, in mezzo ad un campo coltivato, in località Carpinello vicino a Forlì, io l'ho fotografato lo scorso 8 aprile 2010, quando stava appena iniziando a mettere le foglie. Mi sono però ripromessa di ritornarci anche quest'anno, per fotografarlo quando sarà più ricco di fronde.

E' un esemplare plurisecolare tutelato dalla Regione Emilia-Romagna con D.P.G.R. n. 112/92.
Genere: Platanus
Specie: orientalis
Comune: Forlì (FC)
Località: Carpinello - Via Cervese
I dati che lo caratterizzano, e che riporto dal sito della Forestale, sono:
Altezza: metri 30
Circonferenza del tronco: metri 6,2

Questi monumenti della natura, non meno importanti e forse più vulnerabili di quelli creati dall'ingegno dell'uomo, costituiscono un patrimonio di inestimabile valore che è dovere di tutti tutelare.



Da notare come la macchia di vegetazione sulla destra dell'immagine, costituita da un folto gruppo di alberi di dimensioni "normali", messa a confronto con l'imponenza del platano, appaia poco più di un cespuglio.

49 commenti:

  1. Non ho parole adatte per esprimere i sentimenti ispirati da una simile meraviglia della natura. D'altronde, il pensiero subito mi va a quanti alberi secolari sono stati e sono tuttora impunemente abbattuti o colpevolmente abbandonati senza cure né attenzione.

    RispondiElimina
  2. La natura ci fa doni splendidi.
    Buona domenica

    RispondiElimina
  3. Lo devo vedere. E' magnifico.
    Gli alberi sono esseri meravigliosi e mi incanto a guardarli. Li fotografo spesso ma i iei scatti non rendo quasi mai l'idea.

    RispondiElimina
  4. Ciao Louise1 E' bellissimo, impressionante e maestoso! Un bacio tua Thelma!

    RispondiElimina
  5. Krilù ma è un platano maestoso! una scultura vivente...buona domenica

    RispondiElimina
  6. molto bella questa foto,ricca la tua spiegazione.
    l'albero è semplicemente maestoso.

    ps
    domani inizia un nuovo gioco,non ci sarà una mia creazione in palio,(perchè sarò impegnata a realizzare 2 bracciali in peyote)ma un libro,se sei interessata .....sarà a numero chiuso.
    a presto

    RispondiElimina
  7. E' maestoso e degno di tanta ammirazione.
    Un albero che sprigiona storia e sarà entusiasmante ammirarlo in piena vegetazione.

    p.s. Ho inserito nel mio blog La maschera.ciaoooooooo

    RispondiElimina
  8. Questo albero ha una forma splendida. Spesso vedo in giro "capitozzamenti" selvaggi, ma questa meraviglia è cresciuta senza interventi altrui, in un ambiente in cui ha avuto tutto lo spazio per allargarsi in modo armonioso.
    Gli alberi sono affascinanti e molte culture li hanno visti come incarnazione dello spirito divino.
    Ciao a presto!

    RispondiElimina
  9. Che spettacolo meraviglioso quasi surreale Krilù..certo che non aveva tutti i torti Benigni che nel suo monologo a Sanremo disse che il nostro Paese è il più bello del Mondo...grandioso post,grazie Krilù! Un bacino e via,tra un pò inizia una nuova settimana!

    RispondiElimina
  10. Bello e imponente...
    Buona serata
    Mari

    RispondiElimina
  11. Ciao Krilù...

    Ma che meraviglia è?

    Dovrò passare anche io a vederlo!!!

    Decisamente!

    Un abbraccio...kisses. NI

    RispondiElimina
  12. E' davvero meraviglioso, speriamo che sia sempre rispettato come merita!

    RispondiElimina
  13. Mi trovavo a Ravenna e ho visto una foto di quest'albero, in una mostra sugli alberi secolari;un vero patrimonio naturale.Salutoni a presto

    RispondiElimina
  14. Avesse il dono della parola,racconterebbe più lui
    di un libro di storia.
    Mi evoca anche l'immagine della serenità nella vecchiaia.

    RispondiElimina
  15. Non è neanche troppo lontano dalla mia città questo platano, però non sapevo della sua esistenza. Grazie alle tue informazioni, credo proprio che gli farò una visita. A me gli alberi piacciono moltissimo e questi, così vecchi, sono un patrimonio da tutelare. Anch'io in vacanza sono andata a fare l'ennesima visita ad un abete monumentale che si trovava in zona. E' sempre emozionante pensare che vivano centinaia di anni...Ciao, Krilù!

    RispondiElimina
  16. Che meraviglia!! sono rimasta incantata ad ammirarlo.. Quanto siamo legati alla natura e non lo sappiamo!!!... sospiro... questa maestosità mi fa sentire piccola e inadeguata davanti al bisogno di difendere la natura,sebbene riempie il mio cuore di gioia nel godere della sua vista ^^

    RispondiElimina
  17. ciao..che meraviglia...ciao...luigina

    RispondiElimina
  18. Uno splendido esemplare: spesso mi perdo ad osservare quanto un albero può essere maestoso, spettacolare, e certo se mi trovassi ai piedi di questo platano ne sarei estasiata. Ti lascio il mio saluto cara Krilù, dopo che sono andata da Carla ed ho visto il connubio perfetto tra il tuo scritto e il suo dipinto: straordinaria coincidenza.

    RispondiElimina
  19. e' PROPRIO STUPENDO!!!! BELLISSIMA LA FOTO

    RispondiElimina
  20. Che albero meraviglioso! Mi piacerebbe vederlo dal vivo! Un grande bacione,Liza.

    RispondiElimina
  21. Ciao Krilù. Non ho parole per dirti quanto questo albero mi ha colpito! E' bellissimo!

    RispondiElimina
  22. è semplicemente straordinario! Io adoro gli alberi (forse te l'ho già detto). Non so spiegare questa attrazione fatale: quando ne vedo uno non riesco a resistere alla tentazione di fotografarlo e di poggiarci su una mano. Quando sono stata in thailandia ho letteralmente pianto di fronte a un albero sacro. Era bellissimo, senza tempo.

    RispondiElimina
  23. Anch'io Adriano sono rimasta senza parole, davanti alla sua imponenza: non credevo ai miei occhi.
    Purtroppo so che non tutti gli alberi censiti nel 1982 sono tuttora esistenti.

    RispondiElimina
  24. Hai la possibilità di vederlo, Sandra. Se vieni al mare sulla costa romagnola, non è molto distante da Cervia-Milano Marittima.

    RispondiElimina
  25. Si Thelma, è veramente maestoso.

    RispondiElimina
  26. Hai ragione Graziella, è un gigante davanti a cui ci si sente incredibilmente piccini, e non solo per una questione di altezza, ma perché ci si trova davnti ad un testimone della storia.

    RispondiElimina
  27. Cara Lu, ti ringrazio per la visita, per il commento e per l'informazione.

    RispondiElimina
  28. Infatti Carla, mi riprometto di fotografarlo di nuovo nella prossima estate: immagino che apparirà ancora più imponente, col suo manto di foglie.
    ---
    Cara Carla, ti ringrazio per aver riportato il mio racconto "La maschera" sul tuo blog. Avevo in mente di dedicare anch'io, nello stesso periodo, un post alla strana coincidenza col tuo dipinto, ma due crisi di emicrania, mi hanno di nuovo messo KO. Comunque non è detto che non lo faccia ...

    RispondiElimina
  29. Ciao Giada, non avevo dubbi che avresti particolarmente ammirato questo platano, conoscendo il tuo interesse per tutto ciò che è vegetazione.
    Quanto alle capitozzature selvagge che si vedono in giro, meglio non parlarne, perché mi infurio talmente che capitozzerei coloro che le hanno attuate.

    RispondiElimina
  30. Grazie a te Shiri, anche per il bell'entusiasmo che sempre metti nei tuoi messaggi. Un bacione.

    RispondiElimina
  31. Ciao Mari, grazie per la tua visita.

    RispondiElimina
  32. Ciao Ni, certo che lo devi vedere. Se ti capita di venire sulla costa romagnola, non mancare l'occasione.
    Bacioni.

    RispondiElimina
  33. Me lo auguro Alessandra, visto che non è agevole avvicinarcisi. Si trova in mezzo ad un campo coltivato ed è circondato da un'area di rispetto delimitata da una staccionata.

    RispondiElimina
  34. Stella, visto dal vivo lo è ancora di più.

    RispondiElimina
  35. Meno male che ora ti vedo...dal tuo silenzio ho immaginato che ci fosse ancora il tuo "problema", Mi spiace....davvero tanto.
    Oggi ti leggo...spero sia meglio?
    Non ho parole..ciaoooo

    RispondiElimina
  36. Ciao Cavaliere, ricordo anch'io una mostra fotografica itinerante di qualche anno fa, avente come soggetto alberi secolari.

    RispondiElimina
  37. Vero Costantino, chissà quante cose ha visto, dall'alto delle sue fronde.

    RispondiElimina
  38. Adesso che lo sai Ninfa, non perderti l'occasione di vederlo dal vero; tanto più che non devi nemmeno fare tanta strada.

    RispondiElimina
  39. Anch'io Titty, quando l'ho visto sono rimasta a lungo incantata ad ammirarlo.

    RispondiElimina
  40. Ciao Luigina. Una vera meraviglia.

    RispondiElimina
  41. Ciao Paola, bello vederti qui.
    Grazie anche per il commento sulla strana coincidenza che ha unito il mio lavoro a quello di Carla.

    RispondiElimina
  42. Ciao Marina, grazie per la visita e per il commento.

    RispondiElimina
  43. Ciao Liza, chissà che non ti capiti l'occasione di vederlo, lo merita davvero!

    RispondiElimina
  44. Ambra, visto dal vero lo è anche di più.

    RispondiElimina
  45. Non ho alcuna difficoltà a crederti Turista, perché anch'io provo un'attrazione speciale per gli alberi, che sento come entità pulsanti e sature di energia vitale.

    RispondiElimina
  46. Una meraviglia della natura.
    Sarebbe proprio bello vederlo carico di foglie!
    Ciao

    RispondiElimina
  47. Contaci Elena. Fra un paio di mesi mi sono ripromessa di tornare a fotografarlo, così ve lo mostrerò anche completo di chioma verde.
    Ciao!

    RispondiElimina

Vi prego di scusarmi se non sempre riuscirò a rispondervi e Vi ringrazio fin d'ora per la gradita visita e per i commenti che vorrete eventualmente lasciarmi.